wp_7342636

Smart Seulo

Ovvero: basta uno smartphone per sentirsi “artisti”!

SEULO (capoluogo della Barbagia di Seulo) è un delizioso paese alle pendici del monte Perdedu, in provincia di Nuoro. Conta poco meno di ottocento abitanti (ma in passato erano ben di più) e vanta l’appellativo di “paese dei centenari” in quanto l’età media dei suoi abitanti e la percentuale di sopranovantenni è sorprendentemente alta (tant’è vero che si trova tra i paesi studiati in tuttto il mondo per longevità). La ragione? “F, F, F” (freddo, fatica e fame) dicono alcuni, “buon vino e alimenti sani, tutto di produzione propria”, dicono altri.

Un’altra caratteristica dei Seulesi è la sconcertante ospitalità. Dico “sconcertante” perché, all’arrivo, avevamo altre (erronee) aspettative riguardo all’atteggiamento degli abitanti dell’interno nei confronti “de sos istranzos”. E invece siamo stati accolti ovunque a braccia aperte, abbiamo fatto amicizia con tutti, siamo stati invitati a feste pubbliche e pranzi/cene privati a base di tuttto ciò che il territorio offre. E racconti, racconti, racconti di emigrazione in Germania e in Belgio, di sofferenze dei padri e dei nonni, di lavoro duro in miniera trattati come schiavi. Ma anche e soprattutto di orgoglio di appartenere a quella comunità, e di senso di attaccamento al proprio vigneto, al proprio pascolo, al proprio uliveto.

Se consultate le mappe online troverete anche che Seulo è soprattutto noto per la vicinanza al fiume Flumendosa che offre affascinanti e rinfrescanti piscine con cascatelle (attenzione: bisogna guadagnarsele!), meta dei locali più giovani e di bikers e campeggiatori di tutte le provenienze. E il monte Perdedu fa parte del complesso del Gennargentu , con i suoi1.330 m di altezza, e vanta una deliziosa sorgente di acqua fresca a più di 1.200 m.

Se passate di là, un consiglio: chiunque incontriate, nel passare suonate il clackson e salutate! Si usa così!

Ecco alcune foto scattate nel corso di un paio di visite agli amici di Seulo tra il 2022 e il 2023. La lista è destinata ad allungarsi: torneremo! Fate click sull’icona per vedere l’intera fotografia.

Gli amici di SEULO (la lista è destinataa a crescere: torneremo!)

I disegni di Francesco Crescenzi

Mio nipote Francesco (6 anni ad Aprile 2024) s’impegna per diventare un artista famoso, e sta imparando il fotoritocco di disegni fatti da lui stesso. Lui disegna, io riprendo con lo smartphone e insieme fotoritocchiamo (“un po’ più di luce, un po’ meno saturato, no questo effetto non mi piace, ecco, così va bene!”). Per inciso, l’aver prodotto SAOC, nel febbraio 2023, è stata l’origine di tuto il lavoro con i bambini delle scuole di Orosei per Sa Die de Orosei! Grazie Franci!

Niente di che

In una piovosa e fredda giornata prenatalizia del 2022 avevo un desiderio: dare un po’ di vita a particolari completamente insignificanti, ripresi nel grigiore assoluto del terrazzo di casa. Eccomi dunque all’opera: click a dettagli di sedie sdraio riposte, a cerniere delle finestre, a teloni della serra, e così via. Un tocco dei miei strumenti preferiti (Anteprima, GoArt e poi ancora Anteprima, in qualche occasione un “tocco” di Powerpoint), ed ecco questi particolari insignificanti prendere vita.

Il titolo “Niente di che” è in qualche modo provocatorio: per divertirsi a fotoritoccare immagini non è necessario partire da soggetti ripresi in luoghi esotici: qualunque dettaglio o particolare di qualsiasi luogo in qualsiasi momento può bastare!

Le foto originali e le loro trasformazioni: fate click sull’icona per visualizzare l’immagine completa.

Una giornata di un Parkinsoniano

Ebbene sì, sono Parkinsoniano (il Parkinson è una malattia, non un morbo, ndr). Diagnosticato nel 2019 (ero andato da amici neurologi universitari quasi per ridere, convinto di essere sano, e invece…). A stretto giro sono seguite diagnosi di neoplasie vescicale e del colon retto, per cui, preso da altri problemi (chirurgie, chemioterapie, ecc.), avevo quasi dimenticato il Parkinson. Ora dal lato chirurgico le cose sono sistemate, e posso dedicarmi con più calma a … Gigi (chiamo così l’amico/nemico che è venuto a convivere con me, facendomi gli scherzetti). In questa collezione ho… portato a spasso Gigi in una serie di eventi (passeggiate, cappuccino, carburante…) che ho colorato con i miei effetti speciali, per mostrare a Gigi che, se non fa troppo il birichino, la vita è bella.